Rientro a scuola!Passa a Premium al 10% in meno e potenzia il rendimento scolastico dei tuoi figli con Qustodio - ACQUISTALO ORA

Perché Qustodio?

Milioni di genitori si affidano a Qustodio per la sicurezza e per garantire un sano equilibrio online ai propri figli.

Funzionalità

Principali strumenti di controllo parentale, notifiche e resoconti accessibili con un solo tocco.

Visualizza tutte le funzionalità

Scopri come iniziare

Inizia a proteggere e monitorare tuo figlio con Qustodio nel giro di pochi minuti.

Download

Installa Qustodio su qualsiasi dispositivo, dagli smartphone ai tablet passando per computer fissi, Chromebook e molti altri.

Dritte sul prodotto

Gli ultimi aggiornamenti e funzionalità sul prodotto oltre a una serie di consigli utili su come ottenere il massimo da Qustodio.

Leggi qualche dritta sul nostro prodotto

Dritte per genitori

Informazioni basate sui fatti e sulla ricerca in merito alla salute dei ragazzi e alla sicurezza online, con consigli da parte di esperti in campo tecnologico, psicologico, medico e altri.

Leggi le dritte dedicate ai genitori

Guide e recensioni sulla sicurezza delle app

Riepiloghi, valutazioni, avvisi e raccomandazioni su app e giochi di cui i genitori dovrebbero essere a conoscenza.

Leggi le nostre guide e recensioni

Storie di famiglia

Testimonianze reali di genitori

"Qustodio mi dà la tranquillità che stavo cercando per assicurarmi che i miei figli siano al sicuro"

Allison, madre di due figli

Seguici

Non perdere dritte e aggiornamenti!

Per le scuole e la formazione

Aiutiamo le scuole a proteggere i dispositivi e a tenere gli studenti al sicuro 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 sia che l'istituto si serva di laboratori, dispositivi portatili o segua un approccio BYOD o 1:1.

Per aziende & organizzazioni

Aiutamo le organizzazioni a proteggere i propri dispositivi 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, preservando l'affidabilità del personale e facendo rispettare le politiche d'uso.

Per saperne di più

Richiedi una prova gratuita/demo

Ricevi risposte personalizzate a tutte le tue domande, poni quesiti sui prezzi e conosci il team.

Download

Indipendentemente dal fatto che usi Windows, Mac, Chromebook, Android, Kindle o iPad, trovi tutto qui.

Vai ai download

Hai già un account?


Accesso

Internet speak: do you know the lingo to keep your kids safe?

da | Jul 24, 2013 | Dritte per genitori

Are you barely able to understand your tween or teen’s slang IRL (in real life), much less online? You’re not alone! A recent study revealed that many parents are painfully unaware of what their kids are talking about online, and monitoring kids’ Internet activity may be only part of the solution.

### Should Parents Be Concerned About Online Lingo?

Teens have been making up their own language for decades, though, so should parents really be concerned? Actually, yes. Although the strange abbreviations and acronyms may sound innocent enough, not all of them are harmless. Consider, for instance, the acronym “LMIRL.” Parents who can’t decode its meaning may think nothing of it when it appears in their kids’ chat history. Unfortunately, ignoring it would be a big mistake. Why? LMIRL stands for “let’s meet in real life,” and is a signal that your tween or teen may have plans to meet up with a stranger she met online. Other acronyms that should send up red flags include:

– GNOC – Get Naked On Cam
– TDTM – Talk Dirty to Me
– ASL – Age, Sex, Location
– NIFOC – Naked In Front of Computer

### Why Teens Use Internet Speak

Unfortunately, learning a long list of acronyms and their meanings won’t help you understand your kids’ Internet communication—at least not completely. Why? Because as soon as kids know that you’re on to them, they’ll come up with replacements to keep you in the dark. Online lingo has two purposes—convenience and deception. While some acronyms are created for the sole purpose of saving keystrokes, others are created to allow teens to secretly communicate with each other without parents being in on the conversation. For example, the acronym “POS” (Parents Over Shoulder) is commonly used to let friends know that now isn’t the best time to talk about certain subjects.

### What Can Parents Do?

Becoming proficient in another language may not be the answer to decoding your child’s Internet speak, but that doesn’t mean you’re at a complete loss. Monitoring your child’s Internet use, especially his or social media and chat activity, can give you a lot of insight that you wouldn’t have otherwise. If you see strange acronyms or abbreviations, do a simple Google search to locate their meanings. Above all, make sure that you’re talking to your kid regularly about digital citizenship and safe Internet use.